6 errori nella cura delle orchidee che possono uccidere la tua pianta

Molti si lamentano del fatto che l'orchidea sia un fiore capriccioso che non può essere conservato fino alla successiva fioritura dopo l'acquisto. Tuttavia, gli esperti dicono che questa è una delle piante da interno più tenaci. Ci sono diversi errori comuni che i principianti fanno dopo aver acquistato un'orchidea in un negozio.

Pianta in terreno normale

Un'orchidea è un'epifita, non può essere piantata nel terreno: in natura il fiore è attaccato dalle radici ad altre piante. Nel terreno terroso, le radici dell'orchidea non sono sufficientemente ventilate e marciscono.

Il substrato per orchidee può essere costituito da frammenti di corteccia, argilla espansa, pezzi di argilla bruciata, carbone, fibre di cocco in varie varianti. Si inserisce liberamente nel contenitore, mentre si formano vuoti che forniscono ventilazione. Le radici si sentono libere, possono attaccarsi agli elementi del suolo e ricevere abbastanza ossigeno e luce.

Pianta in un vaso opaco

In condizioni naturali, le radici della pianta sono esposte alla luce e, insieme alle foglie, partecipano al processo di fotosintesi. In un vaso opaco, le radici sono private della luce, quindi si verifica una carenza di nutrienti, che può anche causare malattie e morte della pianta.

Il contenitore che trasmette la luce consente alle radici di realizzare appieno il loro scopo naturale: estrarre il cibo dall'ambiente. È facile controllare le condizioni delle radici e il grado di umidità nel terreno usando un tale vaso.

Nutri la pianta dopo l'acquisto

Questo è un errore comune commesso dagli allevatori di orchidee alle prime armi che vogliono sostenere la pianta "indebolita" e prolungarne la fioritura. Non puoi nutrirti immediatamente per i seguenti motivi:

  • la pianta è sotto stress per un cambiamento di habitat;
  • nella serra e nel negozio il fiore riceveva già una sorta di nutrimento.

La medicazione superiore può diventare superflua per l'orchidea e morirà, nonostante il carico. Dopo aver trapiantato un fiore in un nuovo terreno, è meglio aspettare che fiorisca e solo allora stabilisci il tuo schema di fertilizzazione.

Acqua alla radice da un annaffiatoio

Questo metodo di irrigazione non è adatto per le orchidee, poiché l'acqua attraversa rapidamente il substrato senza indugiare in esso e il fiore non riceve umidità. Un'irrigazione insufficiente porta alla morte di una pianta che ama l'umidità.

È meglio irrigare per immersione: posizionare i vasi di fiori in un contenitore di acqua calda per 20-30 minuti. L'acqua viene versata nel terreno attraverso i fori. Durante questo periodo, gli elementi del substrato sono saturi di umidità, che viene poi gradualmente ceduta alle radici. Questo metodo è anche conveniente per nutrire l'orchidea con l'irrigazione, sciogliendo le sostanze necessarie in acqua.

I floricoltori esperti praticano anche una doccia calda, versando acqua sulla pianta da un annaffiatoio per diversi minuti. Quindi il fiore deve essere asciugato rapidamente in una stanza calda senza correnti d'aria e assicurarsi che non rimanga umidità nei seni delle foglie (puoi bagnarli con un tovagliolo morbido).

Posiziona la pianta sulla finestra a sud

Il fiore non sopporta l'esposizione alla luce solare diretta. In natura, si trova ad un'altezza non superiore a 2 metri dal suolo, e si accontenta della luce solare che si fa strada tra le chiome degli alberi della foresta pluviale.

Nella finestra a sud, la pianta può essere bruciata, che assomiglia a questo:

  • le foglie sono fragili e dure al tatto;
  • il colore dei piatti fogliari diventa giallo o rosso.

Le macchie di ustione non vengono trattate e il fiore potrebbe morire. È meglio scegliere una finestra con luce naturale morbida che sia confortevole per gli occhi umani. In caso di dubbio che ci sia troppo sole, è possibile applicare la protezione per lo schermo a un vetro di carta bianca o tessuto.

Trapianto tardivo

C'è solo un'opinione sul trapianto di un'orchidea dopo l'acquisto in un negozio: questo dovrebbe essere fatto immediatamente, senza aspettare che svanisca. All'interno del vaso con l'orchidea c'è sempre un cesto di torba o tappo di muschio, in cui erano originariamente piantate le giovani piante. Inoltre, per un trasporto sicuro vengono utilizzate scaglie di cocco che assorbono l'umidità e gommapiuma.

Tutto questo all'interno della pentola si scioglie e crea umidità, condizioni favorevoli per lo sviluppo di microrganismi e batteri. Le radici marciscono in un tale ambiente e l'orchidea muore. Trapiantare la pianta in un substrato sano subito dopo l'acquisto garantirà una lunga vita. Il trapianto non influisce in alcun modo sull'attuale fioritura dell'orchidea.

Aggiungi un commento

 

I campi richiesti sono contrassegnati *

Tutto su fiori e piante sul sito ea casa

© 2021 myflowers.desigusxpro.com/it/ |
L'uso dei materiali del sito è possibile a condizione che venga inserito un collegamento alla fonte.